Questo sito utilizza cookies di profilazione, propri e di terze parti per migliorare la navigazione e per inviarti messaggi pubblicitari personalizzati. Cliccando su un qualunque elemento del sito oppure cliccando sul bottone "Accetto" acconsenti all’utilizzo dei cookies da parte nostra. Per saperne di più e negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies clicca qui Clicca qui
ACCETTO
PRODOTTI SENZA LATTOSIO
Cos'è l'intolleranza al lattosio?

È una delle intolleranze più comuni che non consente la corretta digestione del lattosio, provocando disturbi gastrointestinali. Per intolleranza si intende l’incapacità di digerire il lattosio a causa di un deficit dell’enzima intestinale lattasi (ipolattasia).

Il lattosio è un disaccaride (zucchero) presente nel latte materno, latte di mucca, di capra e asina che non è assorbibile dall'intestino. Il lattosio per essere digerito viene scomposto dall'organismo in due zuccheri più semplici il glucosio e il galattosio grazie ad un'enzima definito lattasi. Così scomposto il lattosio viene assorbito dall'intestino e utilizzati: il glucosio come fonte di energia, ed il galattosio come componente di glicoproteine e glicolipidi.



L'incapacità totale o parziale di produrre a livello dell'intestino della lattasi, chiamata ipolattasia, fa si che il lattosio non viene digerito ma fermenta nell’intestino stesso a causa della flora batterica con conseguente produzione di gas

L'intolleranza al lattosio non è da confondersi con l'allergia al latte che è invece una risposta del sistema immunitario correlata alle proteine, che coinvolge numerosi organi ed apparati, in particolare l’apparato respiratorio, il sistema cutaneo ed il tratto gastrointestinale, con manifestazioni variabili.